Mariolina Castellone

Cantiere delle idee

Come nasce il “Cantiere delle idee”

Per chi è impegnato in politica sapersi confrontare con i giovani significa saper parlare la loro stessa lingua, usare gli stessi strumenti e saper ascoltare ciò che hanno da dire.

Ed è per questo che è nato il “Cantiere delle idee”, per creare una rete con tutta la parte buona della nostra società, con la parte volenterosa del nostro Paese che vuole lavorare insieme per costruire un progetto: trasformare la nostra società in una società più giusta.

Cantiere delle idee

Investire sui giovani

Investire nei giovani significa investire nel futuro del nostro Paese, e mi piace ricordare il filosofo greco Diogene, che afferma che le fondamenta di uno Stato sono l’istruzione dei suoi giovani.

E uno Stato giusto deve fare questo: deve dare a tutti i suoi giovani gli stessi strumenti per realizzare il proprio sogno e per mettere a frutto il proprio talento.

Questo è un tema che a me sta particolarmente a cuore, perché sono stata uno di quei giovani che senza le borse di studio non avrebbe potuto coronare il suo sogno di diventare medico per poi andare negli Stati Uniti e fare la ricercatrice.

Siamo certamente in un mondo totalmente diverso rispetto a quello del pre-pandemia, ed è per questo che dobbiamo parlare di transizione sociale, culturale e anche di transizione ecologica e digitale. Io credo che noi in questa transizione dobbiamo davvero esserci, per lasciare un segno, per prenderne tutti i frutti e tutto il buono che c’è, e per costruire insieme un futuro che sia davvero all’altezza di quello che i nostri giovani immaginano e sognano.

Scrivimi

Il progresso parte dall’ascolto e dal confronto. Per me è indispensabile mantenere un filo diretto con i cittadini. Solo attraverso il racconto della realtà quotidiana, delle problematiche e delle proposte, possiamo gettare le basi per un lavoro efficace.